main header 1

NUOVO COMUNICATO STAMPA REGIONALE

FEMICIDIO A PIACENZA

Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna si esprime sull’ultimo caso di violenza sulle donne in regione

L’Emilia-Romagna è scossa da un altro caso di femicidio. Accade a Borgonovo, in provincia di Piacenza, dove Damia El Essali, 45 anni, è stata trovata morta nella sua casa mercoledì scorso. Indagato il marito, Abdelkrim Foukahi, che si è dato alla fuga insieme ai due figli di due e quattro anni ed è stato fermato giovedì scorso in un autogrill in Veneto.

Se venisse confermato che è stato il marito a uccidere Damia, si tratterebbe del sesto caso di femicidio dal 2012 nella provincia di Piacenza, in una regione, l’Emilia-Romagna, che ogni anno dà il suo triste contributo al conto delle donne uccise dalla violenza maschile in Italia.

 

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

"TUTTA UN'ALTRA STORIA"

Uno sguardo al passato, alla nostra storia fatta di conquiste, pensieri, attività, movimenti femminili,
per camminare insieme verso il futuro seguendo
la scia delle nostre radici.
 
Da dove veniamo chi siamo dove andiamo dettaglio 1
Paul Gauguin :“Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?” (particolare)
 
Uno sguardo condiviso sulla “realtà di genere” spaziando dalle molteplici sfaccettature storico-sociali
ai pericolosi e medievali attacchi attuali quali il D.D.L.PILLON.
 
 
 
Venerdì 10 maggio
ore 16
Sala dei Teatini
Via Scalabrini n° 9 Piacenza 
 
 

COMUNICATO STAMPA: Centri Antiviolenza dell'Emilia Romagna

DONNE E DIRITTI SOTTO ATTACCO IN EMILIA-ROMAGNA

Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna denuncia gli episodi di violenza contro le donne e le iniziative oscurantiste degli ultimi giorni

Cosa significa essere donna nel 2019 in Italia, in una regione ricca e per molti aspetti “avanzata” come l’Emilia-Romagna? Accade di venire uccise dalla violenza maschile. Succede qualche giorno fa a Modena, a Benedita Dan, 40 anni. Fermato per l’omicidio Leopoldo Scalici, 41 anni, che avrebbe aggredito la donna in seguito a un rapporto sessuale, “dopo una discussione sulla prestazione”, riferiscono i giornali. Si aggiunge la notizia di un tentato femicidio a Sasso Marconi, dove un uomo di 49 anni ha accoltellato l’ex moglie.

Accade di venire trascinate in un casolare abbandonato di via Zanardi, a Bologna, e di rischiare di essere stuprate. È successo lo scorso sabato a una ragazza di 25 anni, che ha evitato la violenza sessuale grazie a un amico che ha chiamato il 113.

 

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

IL DDL PILLON VA RITIRATO - MOBILITAZIONE DAL 2 APRILE A ROMA

Il 2 aprile inizierà in Commissione Giustizia al Senato la discussione del Ddl Pillon.

D.i.Re-Donne in rete contro la violenza, il movimento femminista Non Una di Meno, laCasa internazionale delle donne, ARCI, UDI-Unione donne in Italia e Rebel Networkchiamano  alla mobilitazione tutte le persone che sono state al nostro fianco in questi mesi, da quando sono stati lanciati la petizione per chiedere il ritiro del Ddl -  che ha raccolto già  oltre 170.000 firme - e lo stato di agitazione permanente.

Dal 10 Novembre scorso l'opposizione al Ddl Pillon ha preso forma con tantissime iniziative territoriali e nazionali, momenti di approfondimento, discussione e di piazza.

La grande manifestazione nazionale del 24 novembre e lo sciopero dell'8 marzo - che ha visto mobilitarsi oltre 50 città italiane - hanno posto con forza al centro della propria battaglia politica la richiesta del ritiro immediato del disegno di legge. Non ci sono emendamenti possibili a un disegno di legge misogino e violento.

Dopo un ciclo di audizioni in cui gli elementi critici del Ddl sono stati ampiamente denunciati da decine di esperte/i e organizzazioni, e nonostante la contrarietà espressa nelle tante manifestazioni pubbliche del movimento femminista, ora si vuole rapidamente portare all’approvazione un disegno di legge che stravolgerà il diritto di famiglia, vendicativo nei confronti delle donne e che stabilisce procedure che espongono donne e minori vittime di violenza a enormi rischi in caso di separazione.

Non ci stiamo!

Come a Verona, dove saremo per contestare una kermesse oscurantista e sessista che vede la partecipazione degli esponenti leghisti del Governo, così a Roma dal 2 aprile – appuntamento alle 12 a piazza delle Cinque Lune - torneremo a ribadire il nostro NO al Ddl Pillon e agli altri disegni di legge collegati.

Questo sito utilizza i "cookie" per migliorarne la navigazione e garantire una corretta visualizzazione di tutte le aree delllo stesso. Chiudendo questo banner il visitatore e/o l'Utente Registrato, acconsente all’uso dei "cookie". Per saperne di più vai alla pagina Informativa Cookies.